I quattro rami dello Yoga


Nello Yoga ci sono quattro vie principali che conducono all'autorealizzazione attraverso la rimozione dell’ego illusorio, ovvero all’unione spirituale del Sé con la Verità. Lo Yoga è il viaggio per realizzare la nostra realtà e liberarci dall’illusione creata dal mondo materiale che ci circonda ( Maya ), portandoci dalla completa ignoranza alla completa illuminazione. Questo viaggio secondo la filosofia yoga può essere fatto attraverso quattro percorsi:

  • Bhakti yoga - la via devozionale e della generosità,

  • Karma yoga - la via dell’azione disinteressata,

  • Jnana yoga - la via della conoscenza e della saggezza,

  • Raja yoga - la via della meditazione.

Questi quattro percorsi dello Yoga non sono necessariamente separati l’uno dall’altro, bensì possono essere praticati da soli o in combinazione tra loro. Nessuno di questi percorsi è “migliore” o “più nobile” dell’altro e tutti conducono alla stessa destinazione.

Bhakti yoga

E' il percorso della devozione, dell’emozione, dell’amore, della compassione. Rappresenta una via per entrare in contatto con la nostra natura divina, ciò nonostante non è la via della devozione a nessun tipo di divinità o maestro. Attraverso l'abbandono, il devoto non è più il proprio piccolo ego, bensì sente di essere solo un tramite attraverso cui agisce Dio (o in qualunque modo lo vogliamo chiamare) fino a raggiungere la consapevolezza della propria essenza spirituale.

La pratica del Bhakti Yoga include spesso mantra o canti sacri devozionali (il devoto recita costantemente alcuni versi sacri o sacre sillabe, per esempio la sacra sillaba OM, oppure un mantra a cui sia stato iniziato, e in parecchie occasioni canta e danza, esprimendo in questo modo la sua gioia).


Karma yoga

La via dell'azione altruistica, del servizio agli altri, della consapevolezza. L'azione è in questo caso disinteressata, è il compimento dei doveri inerenti al proprio stato, con totale distacco rispetto ai risultati, al risultato dell'azione stessa. I praticanti del Karma imparano a lavorare rinunciando ai frutti delle proprie azioni, e servendo il divino e l'umanità (senza egoismo, individualismo, e attaccamento) il loro cuore diventa puro, l'ego svanisce. Nel tempo, o nel corso di molte vite, si diventa sempre più in sintonia e in unione con il divino.


Jnana yoga

La via della conoscenza, della saggezza, dell'introspezione, della contemplazione. lo Yogi elimina tutto quello che è non-Io ('non questo, non quello'), e alla fine quello che rimane è solo l'Io. I praticanti usano la loro volontà e discriminazione per disidentificare se stessi dal corpo, dalla mente e dai sensi fino a realizzare niente altro che il Sé. Alla fine del processo di discriminazione, tutti i pensieri vengono a cessare, e si scopre come l'Io e il Sé Universale siano in realtà la stessa cosa.

Questo percorso richiede uno sviluppo dell'intelletto anche attraverso lo studio delle Scritture e dei testi della tradizione yogica ed è considerato difficile ed impegnativo.


Raja yoga

La via della meditazione, della realizzazione. Raja significa "regale", e la meditazione è il punto focale di questo ramo di yoga classico.  si riferisce allo Yoga classico, quello descritto da Patanjali, il conosciutissimo filosofo indiano che nei suoi Yoga Sutra (uno dei libri fondamentali dello Yoga) illustra la via che conduce all’unione del corpo, della mente e dello spirito.

ll Raja Yoga guida il praticante verso la conoscenza del tutto: come è organizzata la mente, come gli schemi mentali si rinnovano continuamente e come sia possibile liberarsi da tutto questo.

0 visualizzazioni

CONTATTI

+39 349 7573700

+39 351 8750244

             avwellnessdelivery@gmail.com

      avwellnessdelivery@pec.it

Agostino Vailati   P.IVA 07320430965  "Disciplinato ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n.4 (G.U. 26 gennaio 2013, n. 22)

Stefania Antonini P.IVA 10704350965  "Disciplinato ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n.4 (G.U. 26 gennaio 2013, n. 22)